Log in

Conference 2022

Session Proposals


Contents


Naples and Insular Italy

CAIS Executive


For centuries, Naples, Sicily, Sardinia, and the small archipelagos of Southern Italian islands have inspired artists working in all genres. Both Italian and international writers, artists, and directors have represented, and/or used as a backdrop, not only the picturesque seascapes and landscapes of the region, but also the physical and social degradation that scar large areas throughout these territories. Naples in particular has attracted considerable attention in the twenty-first century following the publication of Roberto Saviano’s Gomorrah, Elena Ferrante’s novels, as well as the release of Matteo Garrone’s film adaptation Gomorrah (2007), the Gomorrah TV series and the L’amica geniale series. Sicily and its sea have also been portrayed in widely popular works like the writings of Goliarda Sapienza and the TV series based on Andrea Camilleri’s books. The image of Sardinia has been revived through the works of Maria Giacobbe, Milena Agus, and Michela Murgia, among others, as well as films such as L’uomo che compro la luna (dir. Paolo Zucca, 2018). And finally, successful films like Terra ferma (dir. Emanuele Crialese, 2011) have been set on the small islands of the southern coast, in this case the tiny island of Linosa.


For this/these panel/s we invite papers that study the various representations of Naples, Sicily, Sardegna, and the minor islands in Italian literature, cinema, TV, and theatre. Papers might also address human interaction with the surrounding urban or rural fabric, as well as papers which adopt ecocritical approaches to representing cities, island life, seascapes and landscapes throughout Naples, Sicily, Sardinia, and the smaller Southern Italian islands.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

CAIS Executive

italian.studies.canada@gmail.com


Italian Visionaries

CAIS Executive


Since the Renaissance, Italy has been recognized as a fertile land for creativity and innovation in the humanities, arts, literature, and science.


In 2022, for example, we will celebrate the centenary of the birth of Enrico Berlinguer, the former secretary of the Italian Communist Party, who in the 1970s and 1980s greatly innovated the national communist current, through the "compromesso storico" with the DC and with the elaboration of "Eurocommunism", to give new breath to a left too rooted in an obsolete ideology. Berlinguer's is one of the examples of how "visionaries" have made Italian society evolve.


For this/these panel(s), we invite papers on famous Italian figures, in all fields, who have marked with their innovative and visionary thinking, the Italian and international society.


---


Visionari italiani


Fin dal Rinascimento, l'Italia è stata riconosciuta come una terra fertile per la creatività e l'innovazione nelle scienze umane, nelle arti, nella letteratura e nella scienza.


Nel 2022, ad esempio, celebreremo il centenario della nascita di Enrico Berlinguer, l'ex segretario del Partito Comunista Italiano, che negli anni '70 e '80 innovò notevolmente la corrente comunista nazionale, attraverso il "compromesso storico" con la DC e con l'elaborazione dell'"eurocomunismo", per dare un nuovo respiro a una sinistra troppo radicata in un'ideologia obsoleta. Quello di Berlinguer è uno degli esempi di come i "visionari" abbiano fatto evolvere la società italiana.


Per questo/i panel, invitiamo a presentare documenti su personaggi italiani celebri, in tutti i campi, che abbiano segnato con il loro pensiero innovativo e visionario, la società italiana e internazionale.


---


Visionnaires italiens


Depuis la Renaissance, l'Italie est reconnue comme une terre fertile pour la créativité et l'innovation dans les domaines des sciences humaines, des arts, de la littérature et des sciences.


En 2022, par exemple, nous célébrerons le centenaire de la naissance d'Enrico Berlinguer, ancien secrétaire du Parti communiste italien, qui, dans les années 1970 et 1980, a grandement innové le courant communiste national, à travers le "compromesso storico" avec la DC et avec l'élaboration de l'"eurocommunisme", pour donner un nouveau souffle à une gauche trop ancrée dans une idéologie obsolète.


Berlinguer est l'un des exemples de la façon dont les "visionnaires" ont fait évoluer la société italienne.

Pour ce(s) séance(s), nous vous invitons à présenter des communications sur des personnalités italiennes célèbres, dans tous les domaines, qui ont marqué par leur pensée innovante et visionnaire, la société italienne et internationale.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

CAIS Executive

italian.studies.canada@gmail.com


Domestic Goods: Silence speaks in our interiors, objects, clothing, and keepsakes.

Lorella Di Cintio


What items do we cherish? Which items do we pass on? Typically, an inheritance item may be attached to a monetary value. What if the value of the object is more in the form of palpable memory? Can the mundane domestic goods of a pot or colander speak of a mother, or the alarm clock speak of a father? What resonates in the prosaic realm? This session will draw on autotopography (Gonzalez), the archive (Derrida), vibrant matter (Bennett), atmospheric attunements (Stewart) and thing theory (Brown).


What domestic goods speak to the heirs of Italian immigrants? How can we speak of intersectional identities in Italian immigrants' children, grandchildren, and great children? The session will call upon the first (1900-1918) and second (1950-1970) waves of Italian immigrants to Canada.


The goals of this session are to:

  1. Welcome papers addressing themes surrounding domesticity, domestic goods, and the archive,
  2. Create a network of scholars and community members interested in intersectional identity, memory, interiors, objects, clothing and keepsakes and to,
  3. Produce a visually creative anthology of domestic goods and narratives,
  4. To support a Call for Papers, for a possible publication in a special issue of the journal Italian Canadiana, University of Toronto.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: February 28, 2022


ORGANIZER

Lorella Di Cintio, PhD

Ryerson University (renaming in progress)

ldicintio@ryerson.ca


Insegnare Dante nel 2022

Telis Marin


La pagina dantesca è attuale? E se sì, come portare Dante in una classe di studenti, specie di studenti stranieri? Sette secoli dopo la morte del Poeta, leggere l’opera di Dante è quasi doveroso; ma lo è anche chiedersi quanto di quello che si legge sia attuale, in particolar modo se si è insegnanti e si è alle prese con studenti che, soprattutto per il modo diverso di apprendere, rischiano di non coglierne che gli aspetti superficiali. Per quanto si possa leggere Dante per passione o per citazione, portare la Divina Commedia in una classe di studenti stranieri è ancora una sfida: bisogna lasciar parlare solo Dante? Oppure è legittimo, se non auspicabile, che si trovi il modo di rendere più chiaro possibile il testo e che si affianchi ad esso un percorso più attraente e contemporaneo, capace di solleticare l’attenzione degli studenti sui tanti temi universali di cui il Poema tratta?


Questa Tavola Rotonda - promossa da Edizioni Edilingua e dal Sant'Anna Institute - intende proporre una riflessione sulle  possibili modalità di costruzione di unità didattiche incentrate sulla pagina dantesca, con un doppio fine: teorico, per dare risposta alla domanda sull’attualità della Divina Commedia, e pratico, mostrando come poter agevolare il lettore di Dante - sia esso uno studente o un appassionato, madrelingua o straniero  - senza banalizzare la complessità e la ricercatezza del testo originario.


I colleghi e le colleghe interessat* a partecipare sono invitat* a inviare un abstract (max 150 parole) e una breve nota biografica, entro il 1° marzo 2022, a Elena Vianello (elena.vianello@edilingua.it) e Marco Marino (marco.marino@santannainstitute.com).


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

Telis Marin

Edizioni Edilingua

info@edilingua.it


Leggere non basta: La letteratura Italiana in classe

Marco Marino


L’insegnamento della letteratura italiana non si limita alla conoscenza dei classici.  Una lezione di letteratura non può prescindere dal contenuto e dalla lingua del testo letterario, così come non può far a meno di tenere in considerazione il contesto-classe. La definizione di nuove pratiche didattico-divulgative per l’insegnamento della letteratura tenta di rispondere all’esigenza di avere a disposizione contenuti fruibili dai nativi digitali che siano anche funzionali all’obiettivo didattico. Il panel intende discutere gli approcci innovativi in seno alla didattica della letteratura, proponendo casi di studio specifici o esperienze in classe.


I colleghi interessati a partecipare possono inviare la propria proposta e una bio di max. 250 all’indirizzo marco.marino@santannainstitute.com entro il 1° marzo 2022.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZER

Marco Marino

Sant’Anna Institute

marco.marino@santannainstitute.com


Multilingualism and textuality: from linguistic analysis to didactics

Paolo Nitti, Pierangela Diadori, Donatella Troncarelli, Federico Della Corte


The attention to the phenomenon of multilingualism has received increasing attention by the academic world.


The panel welcomes contributions on Italian language and multilingualism concerning Text linguistics, Sociolinguistics, Pragmatics or Italian Language Education and Teaching.


Researches about the characteristics of multilingualism and about its role in instruction and education are welcome. In particular the panel will focus on the textual dimension (regardless of whether subjects are native or non-native speakers, and regardless of the country and level of education). Translation and translanguaging are other possible perspectives related to textuality and multilingualism in foreign language teaching. Corpus-based researches will be privileged, as well as new critical, comparative and interdisciplinary approaches.


One of the languages considered must be Italian.


Abstracts (150 words) can be presented in English, Italian, Spanish or French.


Please submit your abstract before February 28th, 2022, to Paolo Nitti (paolo.nitti@uninsubria.it), Pierangela Diadori (diadori@unistrasi.it), Donatella Troncarelli (troncarelli@unistrasi.it), Federico Della Corte (federico.dellacorte@libero.it).


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: February 28th, 2022


ORGANIZER

Paolo Nitti

Università degli Studi dell’Insubria

paolo.nitti@uninsubria.it


CO-ORGANIZERS

Pierangela Diadori

Università per Stranieri di Siena

diadori@unistrasi.it


Donatella Troncarelli

Università per Stranieri di Siena

troncarelli@unistrasi.it


Federico Della Corte

Università Telematica ECampus

federico.dellacorte@libero.it


Italian in university contexts: Learners’ needs and curriculum issues

Elena Ballarin, Maria Cristina Boscolo, Elena Bonetto, Paolo Nitti


A wide range of studies on the features of the Italian language taught at university propose varying textual-linguistic, multidisciplinary, or semiotic approaches to the language. Significantly, this diversity is not reflected in applied research. As such, there is an urgent need to investigate the reality of the Italian language in academic contexts in Italy as well as abroad.


This panel welcomes proposals that aim to fill this gap by bringing to the fore the reality of Italian teaching and learning and of Italian medium of instruction. The purpose of the panel is to survey innovative practices and evince didactic strategies that consider students’ needs also in multidisciplinary teaching environments, thus including Italian for academic purposes and Italian as a medium of instruction in different disciplinary contexts.


Proposals (of no more than 150 words) can be presented in English, German, Italian, French and Spanish and should be sent to Elena Ballarin ballarin@unive.it, Elena Bonetto Elena.Bonetto@unibz.it, Maria Cristina Boscolo MariaCristina.Boscolo@unibz.it, Paolo Nitti paolo.nitti@uninsubria.it together with a short biographical note by the 28th of February 2022.


All accepted papers will possibly be published as Conference Proceedings in a special issue of the double blind peer-review Expressio, Rivista di Linguistica, cultura e comunicazione, Università degli Studi dell’Insubria di Varese.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: February 28th, 2022


ORGANIZERS

Elena Ballarin

Università Ca’ Foscari Venezia

ballarin@unive.it


Maria Cristina Boscolo

Libera Università di Bolzano-Bozen

MariaCristina.Boscolo@unibz.it


Elena Bonetto

Libera Università di Bolzano-Bozen

Elena.Bonetto@unibz.it


Paolo Nitti

Università degli Studi dell’Insubria

paolo.nitti@uninsubria.it


Motherhood in Italian Culture from the Renaissance to Present Day. Beyond Stereotypes

Maternità nella cultura italiana dal Rinascimento ad oggi. Al di là degli stereotipi

Simona Di Martino, Céline Powell


Across the last twenty years of the century, the theme of motherhood in Italian culture has enjoyed a widespread interest among scholars. Various essays have shown that maternal figures served multiple discourses, from psychological to political, and from educational to social ones. Already during the Renaissance some texts considered the role that society have traditionally attributed to mothers.


Considered the growing importance of motherhood in the field of Italian Studies, this panel aims to enlighten the complex and composite constitution of the maternal subject by examining the ways in which maternal roles are performed by characters in Italian culture from the Renaissance to present day. Following the idea behind the volume Morgana, storie di ragazze che tua madre non approverebbe (2018) by Michela Murgia and Chiara Tagliaferri, the purpose of this call is to bring attention to those maternal figures who appear as unconventional and do not (always) conform to the stereotype of caregiving and nurturing. Among these we would like to shed light on figures who act as ‘maternal’ and behave as mothers, even though not biologically mothers, such as: wetnurses, nannies, grandmothers, and the like. This panel also aims to reflect on motherhood and the maternal in children’s literature, a poorly researched topic in Italian literature. Comparative perspectives are welcome.


We invite contributions on various fields of Italian culture, including literature, history, theatre, visual arts, pop cultures and comics, film studies, among others. The chronological span extends from the Renaissance to the present day and hopes to include less explored periods such as the Settecento and Ottocento.


Themes to be addressed (but others are welcome) are:

  • Maternal psychology; feminine identity; refusal of motherhood; daughter-centricity
  • Miscarriage, children’s loss, maternal bereavement, infanticide
  • Maternal education and normativity across the centuries
  • Various maternal figures (e.g. wet-nurses, nannies, babysitters, grandparents etc. who embrace maternal roles and do/do not conform to the caregiving/nurturing/maternal culture)
  • Wet-nursing and breastfeeding as a form of motherhood
  • Vices, bogeys, fears, folkloristic elements deriving from (subversion of) the maternal role
  • Maternal figures in Religious Studies
  • Fascism and motherhood; Antifascism and motherhood (e.g. L’Agnese va a morire by Renata Viganò, La Ciociara by Alberto Moravia, Aracoeli by Elsa Morante);
  • Sardinian ‘matrocentric society’ and other Italian matriarchal societies

Please send a 300-words abstract and a short biographical note to the organisers by Tuesday 22nd February to be considered for joining the panel.


---


Negli ultimi vent’anni, il tema della maternità nella cultura italiana ha destato l’interesse della comunità scientifica. Monografie, saggi e articoli hanno mostrato che le figure materne sono funzionali per molteplici discorsi, da quello psicologico a quello politico, e da quello educativo a quello sociale. Fin dal Rinascimento la società ha tradizionalmente attribuito alle madri dei ruoli e compiti ben precisi che nel tempo si sono ulteriormente affermati o sono mutati.


Considerato il crescente interesse per il tema della maternità, questo panel si propone di analizzare la complessa e composita costituzione del soggetto materno esaminando le modalità con cui i ruoli materni sono svolti all’interno della cultura italiana dal Rinascimento ai giorni nostri. Seguendo l’idea alla base del volume Morgana, storie di ragazze che tua madre non approverebbe (2018) a cura di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri, lo scopo di questa call è dare spazio, accanto al modello materno tradizionale, anche a quelle figure materne non convenzionali e non del tutto conformi allo stereotipo dell’accudimento tradizionalmente materno. Inoltre, si intende fare luce su figure che si comportano in maniera “materna” e fungono da madri, anche se non lo sono biologicamente, come balie, tate, nonne, e simili. Questo panel vuole inoltre riflettere sulla maternità e il materno nella letteratura per l’infanzia, argomento finora poco studiato nel panorama letterario italiano. Analisi comparatistiche benvenute.


Invitiamo contributi in vari ambiti della cultura italiana, tra cui letteratura, storia, teatro, arti visive, cultura pop, fumetti, studi cinematografici, tra gli altri. L’arco cronologico si estende dal Rinascimento ai giorni nostri con l’augurio di includere anche periodi meno esplorati come il Settecento e l’Ottocento.


Possibili tematiche (ma lista non è esaustiva):

  • Psicologia materna; identità femminile; rifiuto della maternità; narrazioni figlio-centriche;
  • Aborto, lutto materno, infanticidio;
  • Educazione materna e normatività nei secoli;
  • Analisi di figure materne non convenzionali (ad es. balie, tate, baby-sitter, nonni ecc., che svolgono ruoli materni e che si conformano o non si conformano alla cultura dell’accudimento/cura materna);
  • Allattamento (balia/madre) come forma di maternità;
  • Vizi, spauracchi, paure, elementi folkloristici derivanti dal ruolo materno o dalla sua sovversione;
  • Figure materne nelle religioni;
  • Fascismo e maternità; Antifascismo e maternità (es. L’Agnese va a morire di Renata Viganò, La Ciociara di Alberto Moravia, Aracoeli di Elsa Morante);
  • “Società matrocentrica” sarda e altre società matriarcali italiane.

Si prega di inviare un abstract di 300 parole e una breve nota biografica agli organizzatori entro martedì 22 febbraio per proporre la propria partecipazione al panel.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: Sunday 22nd February, 2022


ORGANIZERS

Simona Di Martino

University of Warwick

S.di-martino@warwick.ac.uk


Céline Powell

Ludwig-Maximilians-Universität München

celine.powell@campus.lmu.de


I discorsi sulla pandemia: giornalismo, arte, letteratura, cinema, didattica e fumetti

Simona Bartoli Kucher, Massimo Vedovelli, Orlando Paris


La pandemia da Covid-19 è stata un fenomeno totalizzante che ha interessato l’intero pianeta e ha avuto un fortissimo impatto su tutti i settori delle società contemporanee. Alle strazianti conseguenze sul piano sanitario che continuano ancora oggi, con milioni di malati e morti, si sono aggiunte quelle sul piano economico, politico, sociale, psicologico, individuale.


La Pandemia può essere definita, quindi, come un “fenomeno totale” (Mauss 2002) che è stato tematizzato, attraverso i più disparati linguaggi, anche dai vari ambiti discorsivi che caratterizzano il nostro tempo: questa è stata oggetto di lezioni, articoli di giornale, opere letterarie, film, serie tv, ma anche fumetti, opere d’arte figurativa, canzoni, podcast . Realtà discorsive queste, che hanno messo in forma l’evento pandemico, raccontandolo già durante il suo verificarsi.


In questa sessione ci si sofferma proprio su queste realtà discorsive: cercando di analizzare come la pandemia da Covid-19 è stata rappresentata e raccontata. Una particolare attenzione sarà dedicata all’analisi delle dinamiche semiotiche, linguistiche e narratologiche da cui i discorsi sulla pandemia sono caratterizzati.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: (not specified by organizers)


ORGANIZERS

Simona Bartoli Kucher

Istituto di Romanistica, Università di Graz (Austria)

simona.bartolikucher@uni-graz.at


Massimo Vedovelli

Università per Stranieri di Siena

vedovelli@unistrasi.it


Orlando Paris

Università per Stranieri

paris@unistrasi.it


Doctoral Dissertations in Progress

Andrea Penso


In this session we welcome papers from PhD candidates who want to present their research topics, or show the first results of their doctoral work. The goal is to provide a platform for early career researchers to showcase their research and discuss their strategies in a collegial atmosphere, in order to receive feedback and advice within the frame of an international conference. Submissions could include any topic related to Italian studies, such as the following:

  • Italian Literature from the origins to the 21st century;
  • Italian History;
  • Comparative literature with an Italian component;
  • Italian linguistics;
  • Italian Language and Second Language acquisition;
  • Pedagogy and Italian studies;
  • Gender Studies and Italian;
  • Italian Theatre;
  • Italian Journalism and history of the Press;
  • Italian Studies and Digital Humanities.

Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

Andrea Penso

VUB – Vrije Universiteit Brussel

andrea.penso@vub.be


Etica pubblica e privata nel Rinascimento

Maiko Favaro


«Ognuno vede quello che tu pari, pochi sentono quello che tu se’». Con queste parole, Machiavelli distingue tra le convenienze imposte dalla società, e ciò che si ritiene buono e giusto di per sé. Più in generale, nella tradizione italiana si riscontra spesso l’esigenza di adottare un doppio regime morale, con una morale privata opposta a una morale pubblica, una morale dell’essere opposta a una morale dell’apparire. Sull’onda dell’interesse dimostrato negli ultimi anni dagli studiosi per l’etica del Rinascimento, il panel vuole indagare il discorso sulle virtù nel periodo compreso fra il 1450 e il 1650 circa, con particolare interesse per la distinzione fra ambito pubblico e privato e per l’influenza della realtà esterna sulla riflessione etica. Gli studiosi interessati a partecipare possono inviare un abstract (max 250 parole) entro il 1° marzo 2022 a Maiko Favaro (maiko.favaro@unifr.ch).


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

Maiko Favaro

University of Fribourg (Switzerland)

maiko.favaro@unifr.ch


Identità regionale e letteratura italiana

Martina Franzini, Giulia Wilkins


La presenza di numerose identità regionali distinte è fenomeno di rilevanza centrale all’interno del panorama socio-culturale italiano. Le differenze regionali sono delineate attraverso la presenza di usi, costumi e tradizioni caratteristici e peculiari di ogni luogo. Questa particolare situazione italiana ricca di diversità è il risultato di un complesso processo storico e sociale che ha caratterizzato il nostro paese per secoli.


Come vengono rappresentate queste differenze nell’ambito della letteratura e del cinema italiano? Le diverse identità regionali costituiscono un limite o un punto di forza all’interno delle opere letterarie e cinematografiche?


Lo scopo di questo panel è di offrire una rassegna delle diverse rappresentazioni regionali all’interno della letteratura e del cinema italiano, per cercare di comprendere in che modo identità nazionale e fenomeni di caratterizzazione tipicamente regionali si incontrino. Si accettano contributi legati a qualsiasi periodo storico, a partire dalle rappresentazioni regionali fornite da Dante e Boccaccio, fino ad arrivare alle particolari caratterizzazioni offerte dal cinema italiano contemporaneo.


Esempi di contributi richiesti:

  • Identità italiana in relazione agli elementi regionali
  • Il divario tra Nord e Sud
  • Opere letterarie in lingua dialettale
  • Il fenomeno della questione meridionale
  • Rappresentazioni regionali nella letteratura medievale (per esempio nella Commedia o nel Decameron)
  • Stereotipi regionali nel cinema italiano

Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZERS

Martina Franzini

Johns Hopkins University

mfranzi2@jh.edu


Giulia Wilkins

Boston College

wilkinsg@bc.edu


Queer(ing) Italian-Canadian Literature

Licia Canton


Whereas the beginning of Italian-Canadian literature can be traced back to the 1970s, only a few scholars have published on queer Italian-Canadian writing. When we first began the Queer and Italian-Canadian project (See http://www.queeritaliancanadian.com/), we were aware of “a handful of writers.” The research leading to the publication of Here & Now: An Anthology of Queer Italian-Canadian Writing (2021) and the documentary film Creative Spaces (2021), was instrumental in identifying the writings of queer Italian-Canadians.


Anna Camilleri, a contributor to Here & Now, states that despite making art as an openly queer and Italian-Canadian creator for twenty-five years, still today people come to her in a whisper:: “I’m also Italian and queer.” (See https://www.youtube.com/watch?v=irNPBV7Z2Gw 52:53) Despite the normalization of LBGTQ+ people in Canadian mainstream culture, the Italian-Canadian community has lagged behind in public acceptance and valorization of their queer children and their works. For some, being queer and being of Italian origin is irreconcilable. The Queer and Italian-Canadian project seeks to remedy this by creating a platform where the intersection of queer and Italian-Canadian identities can be explored safely, openly, and creatively.


We invite proposals for academic papers on works by queer Italian-Canadians. Academics, scholars, research-creators, researchers and (graduate) students from all disciplines are encouraged to submit proposals in Italian, English or French. Papers from multidisciplinary perspectives are welcome. Possible topics include, but are not limited to:

  • Representations of queerness
  • The creative process
  • Roots and traditions in contemporary works
  • Reception and media attention
  • Adaptations (from play to film, story to play…)

For academic papers (15 to 20 minutes), please send a 200-word abstract and a short biographical note (60 words), or queries to lcanton@accenti.ca.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZER

Licia Canton

Frank Iacobucci Centre, University of Toronto and Accenti Magazine

lcanton@accenti.ca


Rethinking Teaching and Learning Italian: Cross-institutional Practices (Roundtable)

Enrica Aurora Cominetti, Andrea Privitera


The mobility of Italian teachers and learners characterizes modern didactic approaches to teaching Italian language and culture. Today instructors lend themselves to serve at the same time in different educational contexts within the private, public and non-profit sectors, teaching Italian not only to university students but also to adults, children and youth. Still, we tend to perceive these institutions as compartmentalized, even though learners naturally transition between them. In other words, the cross-fertilization between different learning contexts is already a reality. The potential of synergies between university and non-university types of institutions remains an as yet unexplored topic within the modern scholarship of Italian teaching and learning.


This roundtable aims to open a necessary dialogue between educators from various Italian teaching environments. We invite university and non-university instructors alike to reflect on these questions: how can practices that are traditionally a prerogative of specific educational contexts improve student learning experience across different settings? What are the ways in which said practices may be adopted in or adapted to circumstances other than the ones where they originated?


The roundtable welcomes contributions on the potential intertwining of teaching practices between settings including (but not limited to):

  • postsecondary institutions
  • adult language schools
  • children and youth education (childcare, primary and secondary schools, community centers)
  • community-based learning (language exchanges, student and youth organizations)
  • public sector (government training agencies, non-governmental organizations, Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti in Italy)
  • nonprofit institutions
  • nonformal education.

Please send a 200-word proposal in English or Italian and a short biographical note to Enrica Aurora Cominetti (ecominet@uoguelph.ca) and Andrea Privitera (andrea.privitera@uwaterloo.ca) by March 16th, 2022.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: Monday, March 16th, 2022 (DEADLINE EXTENDED)


ORGANIZERS

Enrica Aurora Cominetti

University of Guelph

ecominet@uoguelph.ca


Andrea Privitera

St. Jerome’s University – University of Waterloo

andrea.privitera@uwaterloo.ca


Nuove prospettive su Erasmo di Valvasone: diversità, genere, attualità

Tancredi Artico


Figura di spicco del Rinascimento letterario, Erasmo di Valvasone è un autore che ha affascinato generazioni di studiosi, ma su cui restano ancora margini di ricerca: il presente panel intende concentrarsi su scritti e filoni tematici di fondamentale importanza per il discorso critico moderno, con l’obiettivo di aggiornare la prospettiva di Erasmo come gloria locale (dovuta a un’ottava di descrizione del Friuli contenuta nel poema La caccia), per guardarlo invece come alfiere di un Rinascimento innovativo e attualizzabile.


Le nuove prospettive erasmiane potranno riguardare: a. l’archivio manoscritto; b. la questione di genere, mai affrontata dagli studiosi ma centrale nell’opera di Erasmo, autore della prima traduzione in volgare dell’Elettra di Sofocle e di un capitolo In difesa delle donne; c. la questione dell’alterità, intrinseca al corpus di testi di questo autore ‘di frontiera’, da guardare interpretando la sua opera come rete di scambi (in costante dialogo con altri autori, con altre tradizioni, e tra periferia e centro) e come luogo di rappresentazione; d. il laboratorio formale, tra teoria della letteratura e stilistica.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: February 28, 2022


ORGANIZER

Tancredi Artico

Université Libre de Bruxelles

tancredi.artico@ulb.be / tancredi.artico@studenti.unipd.it


“Versi d’amore e prose di romanzi / soverchiò tutti”. Forme, strategie e implicazioni della scrittura dantesca

Filippo Fabbricatore, Matteo Maselli


La qualità e la ricchezza dello scrivere di Dante è un tratto riconosciuto e unanimemente apprezzato dai suoi estimatori. Modulazioni ritmiche, calcolate costruzioni sintattiche e un variegato repertorio di figure retoriche impreziosiscono il testo della Commedia e delle cosiddette opere minori. Ma quali sono le implicazioni che le scelte estetiche e di pianificazione della versificazione e della prosa hanno sulla narrazione dantesca? Quali sulla ricezione? Quali le tecniche retoriche a cui Dante aderisce e come queste influiscono sulla tipologia di messaggio rivolto ai lettori di tutti i tempi? Che rapporto vige tra teoria e prassi nella scrittura dell’Alighieri? Tecniche secolari come il contrappasso, procedure di stratificazione del significato della lictera come il ricorso alle allegorie, e ancora costruzioni metaforiche o rapporti di similarità tra immagini rivendicano sempre più un ruolo di centralità nello studio dei testi di Dante poiché possono consentirne una più precisa contestualizzazione storico letteraria.


Alla luce di tale prospetto, si invitano gli studiosi interessati a queste tematiche o a questioni ad esse pertinenti ad inviare una proposta di intervento (max 250 parole, in italiano o inglese) corredata da un breve CV a Filippo Fabbricatore (filippo.fabbricatore@csi.cuny.edu) e Matteo Maselli (m.maselli2@unimc.it) entro e non oltre il 1° marzo.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZERS

Filippo Fabbricatore

The Graduate Center, CUNY

filippo.fabbricatore@csi.cuny.edu


Matteo Maselli

Università di Macerata / Univerisità di Bologna

m.maselli2@unimc.it


Intellectual Mothers and Sisters in the Early Modern Times

Giulia Cardillo, Eleonora Buonocore


This panel encourages a conversation about the role that women writers envision for themselves as authoritative figures in various fields: from literature to art, from science to religion, and from philosophy to translation in the context of Medieval and Early Modern Italian and European society. Our panel seeks to investigate how these authors construct their legitimacy as intellectuals through a series of networks of women writers. These women find their own voices by giving birth to a broader community of non-canonical authors, connected by various degrees of affinity. Our panel aims to reframe the concept of artistic genealogy by proposing motherhood and sisterhood as non-hierarchical or derivative notions. We invite contributions particularly on the marks left by women writers, artists, and intellectuals on other authors in order to shed new light on a neglected history of intellectual connections existing in the Early Modern era and going beyond the limits of time and space. The goal of this session is to explore new relationships that highlight the role of women in the shaping of Italian literature, art, and culture within the larger European tradition.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZERS

Giulia Cardillo

James Madison University

cardilgx@jmu.edu


Eleonora Buonocore

University of Calgary

eleonora.buonocore@ucalgary.ca


Waiting for ... Manzoni 2023

Teresa Agovino


Il prossimo 22 maggio 2023 cadrà il 150° anniversario della morte di Alessandro Manzoni. “Don Alessandro”, così apostrofato da Gadda nella nota Apologia, è quell’autore che si tenta di espungere ogni anno dai programmi scolastici, di denigrare in ogni maniera e che, nonostante tutto, resta un imprescindibile modello cui guardare sia per allontanarsene criticamente, che per tentare di raggiungerne l’inarrivabile grandezza.


Al di là di ogni (ir)ragionevole spregio di scolastica derivazione, a don Lisander dobbiamo molto; dalla lingua nazionale, fino alla grande letteratura del Novecento: Verga, De Roberto, Pirandello, Gadda, Ungaretti, Eco... tutti gli autori della nostra contemporaneità hanno, in qualche modo, voluto confrontarsi con lui sia a livello narrativo che critico.


Da un secolo e mezzo a questa parte, insomma, il testo dei Promessi sposi è continuamente letto, ripreso, parodiato, tradito, emulato, rinnegato; ma mai, in nessun caso, esso è ignorato. Non solo il mondo critico-letterario otto-novecentesco, ma anche satira, parodia (dal celebre Trio fino ai Promessi congiunti 2021 di Casa Surace) pittura, fotografia, fumetto (da Piffarerio, a Walt Disney, a Alan Ford, fino alla collana pornografica dei Notturni), musica e cinema (si pensi su tutti al musical di Guardì del 2010 o al celebre sceneggiato del 1967 diretto da Sandro Bolchi), a nessuna arte è sfuggita, negli ultimi centocinquant’anni, la potenza evocativa del romanzo nazional-popolare per eccellenza.


Questo panel vuole, dunque, indagare a tutto tondo sul “dopo-Manzoni”, per offrire – tra “servo encomio e codardo oltraggio” – una panoramica quanto più possibile vasta della centralità manzoniana nella cultura italiana contemporanea.


Alla luce di tali premesse, si invitano tutti gli studiosi interessati a presentare una proposta di intervento (max 250 parole, in italiano o in inglese) e un breve profilo biobibliografico a teresa.agovino@unimercatorum.it entro e non oltre il 1 marzo 2022.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: 1 marzo 2022


ORGANIZER

Teresa Agovino

Universitas Mercatorum, Rome

teresa.agovino@unimercatorum.it


Neapolitan "Others": Unequal, Diverse, and Alternative Representations

Wanda Balzano, Marco Marino


La sessione in oggetto intende prendere in esame le più moderne correnti dei Neapolitan Studies, al fine di esplorare la complessità dell'identità partenopea, al di là degli stereotipi connessi all'attuale rappresentazione della cultura napoletana - così come veicolata oggi dai media - in bilico tra l'ineludibile retaggio/coscienza criminale (Gomorra) da un lato, e l'indelebile impronta del rione con il suo carico di perenne degrado e violenza morale e materiale (Elena Ferrante), dall'altro.


Particolarmente interessanti risulteranno pertanto le proposte di intervento tese ad analizzare tale complessità tra antico e moderno, da diverse angolazioni: dalla linguistica alla narrativa, dagli urban studies agli studi di genere, dalla musica al cinema e al teatro. I colleghi interessati a partecipare sono invitati a inviare un abstract (max 150 parole) insieme ad una breve nota biografica, entro il 1° marzo 2022, a marco.marino@santannainstitute.com e balzanow@wfu.edu


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st 2022


ORGANIZERS

Wanda Balzano

Wake Forest University

balzanow@wfu.edu


Marco Marino

Sant’Anna Institute

marco.marino@santannainstitute.com


“Figli del nostro paesaggio”. L’identità italiana come narrazione dell’immagine del suo territorio.

Saverio Carillo


Nel 1977, in un Convegno dedicato alle problematiche ambientali, Roberto Pane, intellettuale a tutto tondo ed esponente della cultura architettonica del Novecento, identificava gli italiani quali figli del proprio paesaggio e dunque dell’ambiente nazionale. Egli, già in un’altra significativa occasione, nel 1961, partecipando a Torino alla “Mostra delle Regioni” coordinata da Mario Soldati, per la celebrazione del Centenario dell’Unità, curò il Volume-Catalogo Campania, la casa e l’albero, ricco di sue fotografie, in cui descriveva, con testo e immagini l’identità delle persone e lo scenario dei luoghi modificati dall’attività degli uomini. Poter raccontare, attraverso il paesaggio e le sue metamorfosi, il senso e il contenuto di italianità proprio negli anni in cui, maggiormente cresceva anche la consapevolezza del valore degli studi sull’italianistica, -basterebbe semplicemente ricordare il Viaggio in Italia di Guido Piovene (nel quale Roberto Pane venne reclutato come guida per poter meglio comprendere Napoli e la Campania)- permette di poter offrire uno spaccato significativo per considerare gli eventi trascorsi; spaccato oggi necessario per meglio sostenere, provando ad espungere gli errori del passato, la nuova prospettiva di crescita del Paese in ragione del Piano di Ripresa e Resilienza che ci si accinge a mettere in opera.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

Saverio Carillo

Universita’ degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”

saverio.carillo@unicampania.it


Authorship in Italian Arts from 20th to 21st century: Agent Authors within their Texts

Martina Pala


Though authorship has been a longstanding topic in literary studies, it recently gained public attention as questions around the implications of the identity of the author on their texts sprung up in relations to cases such as the translation of Amanda Gorman’s book, for example, or the case of Elena Ferrante. Within this context, paratexts by authors explaining their role within their work have also further problematized this debate.


Considering theoretical reflections on authorship, autobiography, and related literary criticism (e.g. Barthes, 1963), this panel aims to investigate the ways in which Italian authors approach their literary works and the extent to which this is a product of their intentions. It will do so by looking at texts across both the 20th and 21st century, across genres and employing a variety of methodologies. This panel will reflect on the extent to which an author can assert themselves within their works. By doing so, this panel aims to offer a diverse and inclusive overview of authorship within Contemporary Italian Literature and Arts, trying to open the debate around the extent to which, through which means, and the reasons why the 'body' of the author can or cannot be immersed within their literary works.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: 25 Feb 2022


ORGANIZER

Martina Pala

Durham University

martina.pala@durham.ac.uk


Il mondo stampato: aspetti e prospettive del giornalismo nell’Ottocento

Francesca Bianco, Andrea Penso


Osservatorio privilegiato della quotidianità socio-culturale, la stampa periodica dell’Ottocento è oggetto di recente riscoperta, rivelandosi un cantiere di ricerca articolato e fruttuoso. L’ampia varietà dei temi affrontati nelle pagine delle riviste permette altrettanti attraversamenti, in cui trovano spazio sia i grandi argomenti di discussione del momento (impegno civile, rinnovamento sociale, crescita economica, politica – sempre subordinata alle strette maglie della censura) ma anche dimensioni altre, come il mondo della femminilità, con i giornali di donne e/o per le donne, la letteratura declinata in modo funzionale agli obiettivi sociali e morali, la caricatura, l’umorismo e la satira (con le loro tecniche comunicative), o l’aspetto grafico-illustrativo.


Il panel è dedicato in particolare a questi ambiti dell’alterità del giornalismo ottocentesco, che però allo stesso tempo ne caratterizzano la peculiare natura all’interno del secolo, ma si accolgono anche contributi che propongono prospettive di approfondimento relative all’intero ambiente dell’editoria periodica dell’Ottocento.


Si prega di inviare un abstract di 300 parole e una breve nota biografica agli organizzatori Francesca Bianco (francesca.bianco@unipd.it) e Andrea Penso (andrea.penso@vub.be) entro martedì 1 marzo per proporre la propria partecipazione al panel.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: 1 March, 2022


ORGANIZERS

Francesca Bianco

Università degli Studi di Padova

Francesca.bianco@unipd.it


Andrea Penso

VUB – Vrije Universiteit Brussel

andrea.penso@vub.be


Provincia e/o periferia nella narrativa italiana dal Novecento a oggi

Maria Chiara Tarsi


Quello della provincia, spesso in rapporto antagonistico con la città, è un tema importante della narrativa italiana novecentesca. Negli ultimi decenni, con lo sviluppo ‘orizzontale’ dei centri urbani maggiori e la conseguente creazione di ampie aree periferiche e periurbane, la stessa categoria di ‘provincia’ sembra essere messa in discussione, riassorbita in quella omologante di ‘città diffusa’. Scopo del panel (aperto alle diverse prospettive metodologiche) è indagare la molteplicità di rappresentazioni e significati che la provincia ha avuto nella narrativa italiana del Novecento e dei primi anni del XXI secolo. In particolare ci si chiederà: che cosa è stata, e che cosa ancora è, per gli scrittori italiani la provincia? Il luogo delle proprie radici, anche culturali, e della propria identità? Lo spazio genuino della natura, positivamente contrapposto a quello artificiale della città? O invece un mondo aspro e di fatica, di subalternità economica, povertà culturale e chiusura sociale? È possibile individuare un ‘immaginario’ letterario della provincia (topoi, stereotipi, spazi, personaggi, temi ricorrenti ecc.)? Come viene raccontato, nella narrativa contemporanea, il passaggio da una periferia urbana chiaramente definita nei suoi confini al nuovo modello di città ‘esplosa’ sul territorio che tende a sovrapporsi alla provincia?


Gli studiosi interessati a partecipare possono inviare un abstract (max 250 parole) e una breve nota biografica a mariachiara.tarsi@unicatt.it entro il 1° marzo 2022.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

Maria Chiara Tarsi

Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

mariachiara.tarsi@unicatt.it


Popular music italiana e canzone brasiliana: l’arte dell’incontro

Elena Santi


Questa sessione si propone di esplorare l’incontro tra due grandi tradizioni musicali, quella italiana e quella brasiliana. Si auspica di analizzare la presenza della musica brasiliana nel lungo cammino della “canzone d’autore” italiana, e le influenze italiane nella canzone brasiliana e viceversa. Vengono alla mente autori come Fabrizio de Andrè, Paolo Conte, Ivano Fossati, Francesco Guccini, ma anche i testi scritti da Giorgio Calabrese per Ornella Vanoni e Mina, così come pure le collaborazioni di Vinícius de Moraes, Toquinho e Chico Buarque con strumentisti e cantanti italiani, tra i quali Tullio de Piscopo e Fiorella Mannoia, senza contare il ruolo centrale di Sergio Bardotti e Sergio Endrigo, figure di spicco in entrambe le tradizioni. Inoltre, per quanto riguarda la presenza della musica italiana in Brasile, possiamo pensare anche al "samba italiano" di Adoniran Barbosa, o alle influenze italiane nelle esperienze di Roberto Carlos e la Jovem Guarda.


Sono graditi contributi nelle seguenti lingue: inglese, francese, italiano e portoghese.


Le proposte, di non più di 150 parole, vanno inviate a Elena Santi, es.elenasanti@gmail.com, entro il 10 marzo.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZER

Elena Santi

Universidade Federal de Juiz de Fora

es.elenasanti@gmail.com


Popular music: tradizioni in dialogo

Elena Santi


Questa sessione si propone di investigare alcuni fra i possibili contatti e dialoghi fra le tradizioni legate alla popular music, e le loro possibili intersezioni con letterature, arti figurative e performative, avendo come punto di partenza la canzone d'autore italiana. In questo senso, risultano fondamentali le esperienze di cantautori come Fabrizio De André, Paolo Conte, Franco Battiato, Edoardo Bennato, Francesco Guccini e molti altri, che incorporano nei loro testi e nelle loro composizioni suggestioni ed elementi provenienti da diverse tradizioni letterarie e musicali. Più specificamente, poi, è possibile pensare anche a un intero immaginario e alle sonorità che, in modi diversi, arrivano dal continente americano. In questa prospettiva, la proposta si apre anche a uno studio della penetrazione della musica popolare italiana nelle Americhe, sia attraverso i contatti migratori, sia tramite le relazioni e i rapporti fra compositori, interpreti, parolieri e strumentisti. Infine, interagendo con le aree tematiche proposte, sarà possibile anche approfondire la relazione fra canzone e letteratura, su un piano formale, politico, sociale e culturale.


Le proposte, di non più di 150 parole, vanno inviate a Elena Santi e-mail: es.elenasanti@gmail.com entro il 1° marzo 2022.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZER

Elena Santi

Universidade Federal de Juiz de Fora

es.elenasanti@gmail.com


Letteratura ed arti nel Rinascimento e nel Barocco

Lorenzo Sacchini


«La pittura è poesia muta, la poesia è pittura parlante»: così nel VI-V sec. a.C. il poeta greco Simonide di Ceo (secondo quanto riporta Plutarco ne La gloria degli ateniesi) rilevava il legame indissolubile fra poesia e pittura. Di qui, attraverso Orazio (Ut pictura poesis) ed altre autorità classiche, il parallelo tra arte e poesia viene ad essere uno degli argomenti più discussi all’interno della produzione letteraria rinascimentale e barocca.


In una linea complementare a quella appena esposta, il panel intende indagare gli “intrecci virtuosi” tra la letteratura in versi e il linguaggio dell’arte, o meglio delle arti musicali, visive e performative, nell’Italia del sedicesimo e diciassettesimo secolo.


Il presente panel prende in considerazione, da un lato, le indagini generali o specifiche sul fenomeno delle contaminazioni tra lettere ed arti nel Rinascimento e nel Barocco e, dall’altro, le ricerche su i componimenti (perlopiù di natura epigrammatica) e/o le raccolte poetiche che propongono:

  • descrizioni di opere d’arte;
  • celebrazioni di performance attoriali, artistiche o canore;
  • celebrazioni di pittori o artisti del tempo;
  • paragoni tra le varie arti;
  • esposizioni di gallerie (reali o fittizie)

Sulla base di queste linee di ricerca si invitano le studiose e gli studiosi interessati a inviare una proposta di intervento (max 250 parole, in italiano o inglese) con un breve CV a Lorenzo Sacchini (lorenzosacchini@gmail.com) entro l’1 marzo 2022.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1, 2022


ORGANIZER

Lorenzo Sacchini

University of Siena

lorenzosacchini@gmail.com


Cosa resterà di questi anni Ottanta? Letteratura, politica e morale dopo il Lungo Sessantotto

Luca Mozzachiodi, Michele Marchioro


Questo panel vuole essere un tentative di approfondire gli aspetti letterari e politico-sociali relativi al periodo successive alla chiusura del ciclo di conflitti sociali 1968-1977, nella convinzione dell’insufficienza della vecchia categoria del “ritorno al privato” o riflusso. Particolare rilevanza sembra avere l’aspetto etico, con un ritorno del giornalismo di tipo morale se non moralistico (con taglio differente Fortini o Bobbio, Bellocchio, Eco, Magris, Scalfari o Ajello) ma insieme anche la ricerca di un nuovo nesso tra morale e religione o tradizione (l’opera di Del Noce o la nascita di Comunione e Liberazione, l’influsso culturale, politico e di costume del pontificato di Wojtyla) e anche tra morale e politica, dalla celeberrima Questione Morale dell’intervista di Berlinguer a Repubblica al “vangelo socialista” di Craxi.


Parallelamente si può osservare una ridefinizione dei rispettivi campi di influenza e tradizioni in politica: la composizione di classe si fa incerta, I sindacati perdono parte della sua rappresentatività, al contempo ceti medi e colletti bianchi acquisiscono un nuovo protagonismo politico e emergono problemi come la disoccupazione di massa, la droga, la distruzione ecosistemica e la corruzione. Le vecchie dottrine politiche sono caratterizzate dal tentativo di annettere pensatori conservatori alle teorie di sinistra (Schmitt e Nietzsche per i comunisti, Ortega per i socialisti) o tentativi di una lettura conservatrice di istanze radicali (la Scuola di Francoforte in difesa della tradizione personalistica e cattolica). Saranno accolti contributi che sviluppino questi aspetti direttamente o per il riflesso che essi hanno avuto in opere letterarie, teatrali, cinematografiche e artistiche in genere.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: 1 March 2022


ORGANIZERS

Luca Mozzachiodi

Università di Bologna

luca.mozzachiodi2@unibo.it


Michele Marchioro

Università di Venezia

michele.marchioro@unive.it


Breaking Boundaries: at the Crossroads of Italian Literature and Photography

Gianmarco Bocchi


A lot has been written about the relationship between literature and photography (Brunet 2009; Olin 2012; Beckman and Weissberg 2013, to mention a few), but less attention has been given to the ways in which photography, the most notable product of modern print culture, has been employed in literary and non-literary texts in Italian literature. The incorporation of the photographic medium within verbal narrations affects not only the conception, production, reception, and consumption of literary texts, but it also allows a reconfiguration of the ways in which photography itself, defined as self-explanatory, transparent, and objective in print culture, is considered.


The goal of this panel is to shed light on the issues that such an osmotic yet problematic dialectic inevitably generates by discussing examples that cover the manifold modes through which photography permeates literary texts across time and genres within Italian literature. Such instances include, but are not limited to, photography as a trope, interpretive device, driving force for the story; photography printed on the page as a means to document, illustrate and/or complicate the text; photography detected in the text through the evocation or imitation of certain photographic techniques.


If interested, please, send a short bio and an abstract (around 250–300 words) for a talk of about 15-20 minutes to gianmarco.bocchi@mail.utoronto.ca


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st, 2022


ORGANIZER

Gianmarco Bocchi

Centre for Comparative Literature – University of Toronto

gianmarco.bocchi@mail.utoronto.ca


Networks between Mountain and Sea: Circulation of People, Goods, and Ideas in Central and Southern Italy. 16th-18th Century.

Milena Sabato, Isabel Harvey


The Papal States and the Kingdom of Naples are generally considered separately by the historiography of the early modern period. The political division between the two states thus becomes, from a simple disciplinary boundary, a frontier that divides spaces whose social, intellectual, and religious history is represented as two different entities. The localisms that characterize these historiographies – caused as much by the particularities of local archives as by academic divisions – nevertheless allow to see some coherent spaces: the Adriatic maritime space or the pastoral paths of Abruzzo, for example. While recent works inspired by global and connected history and propose revisiting the separate construction of spaces, as with Atlantic or Mediterranean history, this panel aims to explore the communication routes and points of exchange allowing the circulation of people, goods, and ideas between the Papal States and the Kingdom of Naples during the early modern period. The objective is to rethink this central Mediterranean territory both in relation to its local particularities, detailing the multiple and polysemic spaces it contains, and in relation to its global context, the Italian peninsula, Europe, and the World.


Possible topics include:

  • Network analyses
  • How to define an historical space: theory and methods
  • Case studies about travels, pilgrimages, immigration
  • Circulation of ideas and religious movements
  • Mapping and digital reconstruction
  • Historiography and historiographical issues
  • Papal States and Kingdom of Naples: frontiers and connections
  • Environmental history of roads and ways of communication
  • Circulation of books and writings
  • Circulation of goods
  • Roles of women in networks
  • Dialogues and exchanges between religions: Hebraism and Islam

We are particularly interested in papers addressing issues of theory and methodology working with the concept of space, in papers that analyze an unedited, newly founded, or little-known source, or in papers that present a social network analysis.


Papers should be 15-20 minutes.


Please email your abstract (max 300 words) and a short CV (max 1 page) in English, French, or Italian to Isabel Harvey (harvey.isabel@courrier.uqam.ca) and Milena Sabato (sabato.milena@libero.it) by the deadline of March 1, 2021.


Closing Date for Receiving Proposals for this Session: March 1st 2022


ORGANIZERS

Milena Sabato

University of Salento

sabato.milena@libero.it


Isabel Harvey

GRHS - UQAM

harvey.isabel@courrier.uqam.ca


Contact Us

E-Mailitalian.studies.canada@gmail.com
Powered by Wild Apricot Membership Software
Powered by Wild Apricot Membership Software